Home / Applicazioni / 08:46 : L’esperienza dell’11 Settembre su Oculus Rift

08:46 : L’esperienza dell’11 Settembre su Oculus Rift

0846_1

08:46

Più che un gioco, come lo considerano in questi giorni molti sul web, questa è un’esperienza Virtuale narrativa che incarna un impiegato all’interno della Torre Nord del Word Trade Center durante gli eventi del 9/11/01, quindi una visione dal punto di vista delle vittime di ciò che è successo in quella tragica giornata che tutti ricordiamo.

La ricostruzione di 08:46 è stata effettuata dopo numerosi studi, al fine di ricreare l’atmosfera adatta e le dinamiche accadute nei piani alti delle torri gemelle in quei terribili istanti.

Il progetto è stato portato avanti in tre mesi da un Team di sei membri ed è disponibile per Oculus Rift.

E’ possibile trovare tutte le informazioni dei componenti del Team sul loro sito : http://www.08h46.com/

L’avventura (se così la possiamo tristemente definire) incomincia davanti ad una scrivania in un piccolo ufficio, con il solito tran tran di tutti i giorni, fino a che l’edificio inizia a tremare ed il soffitto crolla. Da quel momento, come già sappiamo, niente sarà più come prima.

E’ comprensibile che questa rappresentazione virtuale abbia scosso molto le coscienze sin dalla sua uscita, qualche giorno fa.

Lo stessa applicazione è stata rimossa e poi reinserita nell’Oculus Store e può essere scaricata gratuitamente dal seguente link :

https://share.oculus.com/app/-0846

0846_2

Molti utenti hanno scosso la testa sul prodotto e molti hanno sentenziato che era forse meglio evitare un’esperienza virtuale di tale tragedia, considerandola poco rispettosa verso le vittime.

Diciamo, superficialmente, come si può dare torto a queste opinioni ?

Di contro però ricordiamo che la Realtà Virtuale diventerà presto una nuova forma di comunicazione di massa, quindi alla pari della tv e del cinema… quindi possiamo ribattere… nessuno ha mai giocato ad un videogioco violento o ha mai visto un film su qualche immane tragedia (un esempio su tutti il “Titanic”) ?

La tragedia è sicuramente più “fresca” e recente dell’esempio, quindi è normale che qualche animo rimanga turbato, soprattutto quello di coloro che hanno vissuto la tragedia sulla propria pelle, ma francamente consideriamo tale esperienza come una semplice rappresentazione di ciò che è successo, ne più ne meno come vedere un documentario sulla stesso fatto in Tv.

Forse queste discussioni fanno invece davvero capire la potenza che potrà avere la Realtà Virtuale sugli individui.

Sicuramente l’immersione a 360° del nostro io all’interno di un modo ricostruito che, tornando all’esempio precedente, può essere l’affondamento del Titanic e la sensazione di vivere davvero i fatti che sono sempre stati visti sempre solo per immagini su di un televisore, bhè, fa capire che per alcune sensazioni la realtà Virtuale non potrà e non dovrà essere per tutti.

E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *