Home / Giochi / AIRMECH VR su Oculus Rift !

AIRMECH VR su Oculus Rift !

AirMech_VR

AirMech VR.

Nel 2011 Carbon Games annuncia sul mercato “Airmech“, un action game che si porta dietro molti elementi del RTS (Real Time Strategy) e l’interesse sale tra i giocatori del mondo PC.

Il gioco affonda le sue radici tra le fine degli anni ’80 e i primi anni ’90. Non perché Carbon Games lo avesse già in mente in quel tempo ma solo perché Airmech deve ringraziare un altro gioco, che ha fatto molti proseliti benché fosse su console: Herzog Zwei.

Herzog Zwei era stato sviluppato da Technosoft e lanciato sul mercato tra il 1989 ed il 1991 su Sega Megadrive e successivamente Genesis.

L’idea di fondo per Herzog Zwei era semplice: mettere il giocatore alla guida di un “Mech” trasformabile e lanciarlo in combattimento contro orde ed orde di nemici. Chiaramente l’azione era incentrata del tutto sull’aspetto “Single player” con azione lenta rispetto ai moderni RTS ed una inclinazione “Action” molto più spiccata.

Metal_Gear_REX_illustration

Prima di arrivare ad Airmech però facciamo solo un piccolo excursus nella parola “Mech“. Con buona probabilità non tutti ricordano da dove derivino i Mech protagonisti dei due giochi (e sarò molto felice di essere smentito) ma per dare due coordinate, in maniera molto rapida, bisogna portare la memoria indietro fino ad una serie di cartoni animati, (i manga o anime od Oav come più vi aggrada definirli, anche se parliamo di cose diverse ma permettetemi di generalizzare un pò dato che non trattiamo prettamente di questo, non erano ancora ben definiti in Italia) che si chiamava Macross. Siamo certi che questo nome saprà darvi maggiori idee su cosa stiamo parlando, ma se così non fosse potete leggere qui (https://it.wikipedia.org/wiki/Fortezza_superdimensionale_Macross) per capire meglio.

Herzog Zwei perciò era lineare: azione, decisioni tattiche leggere e otto mappe che sfidavano il giocatore su come affrontare le diverse situazioni.

BattleTech_Maximum_Tech_cover

Airmech riprende il concetto ma lo amplia ancora di più: grazie all’online gaming il ritmo di gioco è più rapido, veloce, coinvolgente. Il giocatore può decidere se affrontare una campagna in solo, giocando contro i “Bot” creati dal’AI, oppure affrontare il multiplayer con amici o con gli altri giocatori connessi.

L’azione diretta è data dal controllare il proprio “Mech”, la parte tattica è data dalla collaborazione con altri giocatori per raggiungere i classici obiettivi di un RTS online:

Co-Op: giocare con gli amici contro l’AI in un match 3vs3

CTF (Capture The Flag): due squadre devono riportare la “bandiera”, che per Airmech è un Orb (una sfera), alla propria base. Questa versione era stata abolita per poi essere ripristinata come “custom mode” per i giocatori.

PVP (Player Versus Player): la modalità base del gioco online. Nella forma della partita secca 1 contro 1 oppure nelle modalità 2vs2 o 3vs3 lo scopo è vincere la partita con la sconfitta diretta degli avversari. E’ la modalità più divertente e piacevole da giocare.

Accanto a queste tipologie troviamo anche la “Survival” dove i giocatori, fino a quattro in questo caso, devono sopravvivere a nove ondate di nemici. A completare il quadro delle possibilità ci sono anche le “Challenges” o “Sfide”, partite specifiche dove lo scopo è soddisfare condizioni precise per vincere la partita.

Dicevamo che Airmech muove i primi passi nel 2011 ma è nel 2013 approda a Steam come “Open Beta” e da allora è in costante sviluppo, con patch, bugfix, add-on e tanto altro.

Nel 2014 – 2015 il gioco approda anche su Xbox 360 con il nome Airmech Arena e nel 2015 vedrà la luce anche su Ps4 e Xbox One.

Il gioco è divertente, ben bilanciato e di facile fruibilità. Merita un’occhiata se siete appassionati di RTS ed ancora di più se siete interessati ad Oculus Rift ed alla Realtà Virtuale.

Ad Aprile del 2015 infatti la Carbon Games ha rilasciato i primi test per RIFT che sono stati molto positivi soddisfacendo gli sviluppatori e l’audience.

Non è ancora limato e ben definito per la VR ma le premesse sono ottime ed Airmech potrà affiancare altri titoli di punta del primo periodo di vita di Oculus Rift.

Se cercate maggiori informazioni o volete provare Airmech non dovete fare altro che seguire la community del gioco su Steam, guardare i forum, sempre su Steam, oppure scaricare il client direttamente dalla casa madre del gioco: https://www.carbongames.com/airmech/download.html

Chiudiamo con la nota che Airmech è un Free-to-Play (il gioco base perché le espansioni si pagano, sotto i 10 euro) che è una cosa che ci piace sempre e ci invita, in serenità, ad un bel giro di prova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *