Home / Eventi / La Realtà Virtuale è per pochi o per tutti ?

La Realtà Virtuale è per pochi o per tutti ?

visori_realta_virtuale_collage

La Realtà Virtuale è bella.

La Realtà Virtuale è una buona cosa per il futuro.

La Realtà Virtuale è un passo avanti per questa e le prossime generazioni.

La Realtà Virtuale offre infinite possibilità di sviluppo.

Tutte queste affermazioni sono vere, sono centrate per un mercato in ascesa ma ne manca una che, in questo momento almeno, sembra farla un po’ da padrone.

La Realtà Virtuale si fatica a vendere.

Vero, i numeri delle prenotazioni sia di Oculus che di Vive sono stati ammirevoli ma non bastano di certo a cambiare il volto del mercato e far si che sia abbia un’espansione pari a quella di Playstation o dei PC disegnati per il gioco.

Ed il motivo per cui accade questo è semplice.

Provate a pensare semplicemente ad un videogioco: un amico lo compra, vi incontrate dopo che l’ha provato, ve lo racconta e voi, con buona probabilità, ed a patto che non sia del tutto fuori dalle vostre corde (nessuno mi convincerà mai a prendere un Fifa eppure ne riconosco la qualità), iniziate a pensare ad un acquisto. Ma prima di tutto cosa fate se ne avete modo? Scaricate una demo e la provate.

Ecco adesso trasportate tutto ciò nella VR: un amico compra Oculus o anche solo Gear VR e vi dice che è bellissimo e che vale la pena. Ma poi? O lo provate da lui alla prima occasione oppure ci meditate molto bene, vista anche la cifra da investire e di certo non avrete una demo da poter valutare.

Questo esempio è per farvi capire che vendere VR non è così semplice.

Ed è per questo che sia Oculus che Sony hanno capito che il problema va affrontato in maniera radicale e nell’unico modo in cui si possa risolvere: offrendo al pubblico la possibilità di provare dal vivo la Realtà Virtuale.

Per questo motivo perciò, entrambe le case di produzione, porteranno in “tour” i loro gioielli per la VR in modo da far toccare con mano il prodotto che, per quanto buono possa essere, in questo momento ha bisogno di essere presentato al mondo sotto occhi diversi.

Oculus, partendo dal 7 Maggio, offrirà 48 starter kit di Rift che verranno distribuiti presso altrettanti punti vendita facenti parte della catena “Best Buy“. Oltre a questo ci saranno una serie di demo in accompagnamento e tra questi spicca “The Climb“, titolo che abbiamo presentato pochi giorni fa e che è davvero di qualità elevata. (LINK)

Questo è un ottimo modo per avvicinare il mondo a Rift e per far capire le enormi potenzialità del prodotto. Best Buy è un colosso sul territorio americano ed una vetrina davvero importante.

La prova di un Samsung Gear VR in un negozio “Best Buy”

Su un altro versante Sony farà la medesima cosa anche se in formato diverso. La casa giapponese infatti, come già ha fatto l’anno passato, organizzerà un camion itinerante dedicato a Playstation e soprattutto al PS-VR in arrivo ad Ottobre sul mercato.

Il Tour del Sony-Truck durerà fino a Novembre e toccherà una serie di città sul suolo americano dando così modo ad una buona parte di pubblico di provare con mano la Realtà Virtuale sulla Playstation.

Ma Sony ha già specificato che non ci sarà una vetrina così imponente e che si potrà provare PS-VR in maniera “limitata”. Il prodotto si vedrà ma meno di quello che ci si potrebbe aspettare. Potrebbe anche essere un mossa di Sony che ama sempre mantenere un po’ il riserbo sul proprio lavoro.

E l’Europa? Per adesso le notizie non sono positive. Il Vecchio Continente infatti non è nelle mire ne di Sony che di Oculus ma siamo sicuri che è solo questione di tempo. Sappiamo che il suolo americano è da sempre il “campo di battaglia” per eccellenza ma anche l’Europa occupa una bella fetta del mercato, in senso assoluto, e questo fa ben sperare che le iniziative avviate negli USA prendano presto piede anche qui da noi.

PS_tour_truck2

2 Commenti

  1. Buongiorno, mi meraviglio per l’articolo. Nessuna tecnologia all’inizio prende immediatamente piede in quanto come sempre all’inizio la disponibilità di prodotto è bassa e i costi sono altissimi. Ho 40 anni e se penso a quando ho avuto la fortuna di avere il primo cellulare GSM mi viene in mente che in una compagnia di 20/25 ragazzini eravamo in 2 ad averlo e non era nemmeno nostro, lo rubavamo ai genitori con la scusa di essere rintracciabili in caso di necessità il venerdì e il sabato sera. Oggi a momenti anche i bambini di 5 anni possiedono il cellulare. La realtà virtuale nel giro di un paio di anni sarà accessibile a tutti e la troverete ovunque perché è talmente strabiliante che una volta vista/provata non puoi fare a meno di non volerla.
    Grazie

    • Ciao Lorenzo ! 🙂
      Grazie per la tua opinione… prendiamo solo la tua ultima frase in considerazione…
      “è talmente strabiliante che una volta vista/provata non puoi fare a meno di non volerla”
      … non essendo per ora il prezzo ancora proprio “consumer” e’ proprio “la prova” che permetterà a tutti di capire le incredibili potenzialità della VR e l’innescarsi di quella spirale di vendite -> abbassamento prezzi, così come è avvenuto in passato per altre tecnologie !

      Buona serata ! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *