Home / Visori / I migliori visori per smartphone per le app VR

I migliori visori per smartphone per le app VR

VR

La realtà virtuale per dispositivi mobili?

È sicuramente un grande business, anche se l’impressione è che il mercato non abbia ancora toccato il suo picco, né qualitativo, né quantitativo.

Tuttavia, anche se all’orizzonte ci sono nuovi visori VR autonomi che potrebbero farvi propendere per una spesa in questo settore, è forse il caso di fare il punto sull’attuale situazione, ed elencare quali siano i migliori visori per app per smartphone.

D’altronde, appare sempre più evidente come app e giochi per la realtà virtuale stiano sempre più abbondando su App Store e su Google Play. E che, in fondo, basta utilizzare l’hardware e la tecnologia del display dello smartphone per fornire un’esperienza di fruizione che magari non sarà al top, ma potrà comunque darci un assaggio delle potenzialità della realtà virtuale, consentendoci altresì di valutare con maggiore consapevolezza se sia o meno sufficiente, o se occorra invece procedere verso altri dispositivi.

Samsung Gear VR

Samsung Gear VR

Se disponete di uno smartphone Samsung appartenenti alle ultime gamme, e desiderate entrare in realtà virtuale, potrebbe valere la pena spendere qualche soldo extra per acquistare la più recente versione di Gear VR. Contrariamente alle sue prime declinazioni, infatti, l’ultimo Gear VR è ora più confortevole e si può utilizzare per più tempo senza alcuno dei pregiudizi che invece contraddistinguevano i primi esperimenti di Samsung.

Oltre a ciò, tenete conto che i contenuti che potreste fruire sono davvero numerosi, e non fanno riferimento ai soli giochi, bensì anche a programmi tv, app di produttività e tanto altro. Insomma, se non volete optare per i più onerosi HTC Vive e Oculus Rift, potrebbe essere una buona scelta.

Peraltro, a conferma del livello di innovazione che Samsung sta curando in questo comparto, ricordiamo come il device possa essere integrabile anche con un controller che può tenere traccia del movimento della mano, e dispone altresì di un touchpad circolare che consente di puntare, trascinare e rilasciare oggetti. La versione integrata con questi accessori costa un po’ di più, ma potrebbe valerne la pena!

Google Daydream View

Google DayDream View

Forse dotato di una tecnologia un po’ obsoleta, il primo Daydream View di Google è comunque una scelta da tenere in considerazione grazie al suo conveniente mix tra prezzo e prestazioni. Comodo, leggero e dal design accattivante, il visore di Google è disponibile in tre diversi colori.

Da migliorare, sicuramente, la compatibilità del visore con gli smartphone di nuova generazione. Non tutti sono infatti pienamente fruibili con questo device.

Google Cardboard

Google Cardboard

Il Cardboard di Google è sicuramente il visore della Big G più economico e più tradizionale. Spartano e dalla tecnologia superata, può comunque rappresentare una ghiotta opportunità per tutti coloro che vogliono disporre di un visore per la realtà virtuale fai-da-te a basso (bassissimo!) costo, che chiunque sarà in grado di costruire in pochi secondi.

Merge VR

Merge VR

Esattamente come il Google Daydream View, Merge VR è un visore abbastanza comodo da usare, e piacevole da indossare rispetto a quei visori che appaiono essere più rigidi e meno sostenibili nel lungo periodo. Il Merve VR può adattarsi a qualsiasi smartphone con display da 4 a 7 pollici, ed è altrsì dotato di lenti regolabili.

Xiaomi Mi VR Play

Xiaomi Mi VR Play

Xiaomi Mi VR Play non è certamente il device migliore del suo settore, ma a un prezzo incredibilmente economico può svolgere un buon lavoro, garantendo peraltro una discreta compatibilità con gli smartphone iOS e Android. Probabilmente, è così anche l’unico dispositivo in grado di rivaleggiare – anche sotto il profilo economico – con Cardboard.

Di più recente introduzione è anche il nuovo e ancor più comodo Xiaomi Mi VR Play 2, non ancora disponibile al di fuori dei confini domestici.

Zeiss One Plus

zeiss-vr-one-plus

Lo Zeiss VR One Plus è un prodotto piuttosto competitivo, dal costo inferiore ai 100 euro e con la possibilità di potersi declinare con qualsiasi telefono con sistema operativo iOS o Android con display tra 4,7 e 5,2 pollici. Dispone di un pratico lettore multimediale per immagini e video YouTube e di un’app per realtà aumentata. L’SDK Unity3D open source dovrebbe garantire la presenza di un terreno fertile per gli sviluppatori.

Per quanto concerne il comfort, può essere indossato comodamente anche con gli occhiali. Dispone di una fascia per la testa rimovibile e di un supporto morbido che non dovrebbe affaticare il viso.

Freefly VR Beyond

Freefly VR Beyond

Il visore FreeFly VR propone un campo visivo a 120 gradi e un controller Bluetooth per un migliore controllo delle app per la realtà virtuale. È compatibile con smartphone con display tra 4,7 pollici e 6,1 pollici, proponendosi così dinanzi a tantissimi modelli di telefoni.

View-Master DLX VR

View-Master DLX VR

Il visore VR Viewer Master di nuova generazione di Mattel è stato il primo visore ad essere venduto nei negozi Apple. Tuttavia, dopo un primo momento di lancio è stato ritirato da tali store, pur rimanendo disponibile presso altre fonti. Con una buona qualità e un prezzo sotto i 30 euro, potrebbe essere una scelta di particolare appeal.

BlitzWolf BR-VR3

L’ultimo visore VR di BlitzWolf può supportare qualsiasi smartphone con display fino a 6,3 pollici e garantisce il massimo comfort per l’utilizzatore. La possibilità di regolare la distanza dagli occhi e una buona imbottitura, permette un utilizzo piuttosto comodo, anche per periodi di tempo prolungati.

E voi che ne pensate? Quali sono i visori che vi hanno convinto maggiormente?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *