Home / Visori / Altri Visori / I migliori VR 2017

I migliori VR 2017

Realtà virtuale

I migliori VR in circolazione: tre scelte che non deluderanno le vostre aspettative!

Nel corso degli ultimi mesi abbiamo potuto assistere a una vera e propria esplosione del settore della realtà virtuale, tanto che ora – quando il 2018 è appena iniziato – possiamo già vantare la piena disponibilità di una straordinaria varietà di cuffie VR tra cui scegliere.

Ma quale è il miglior visore per la realtà virtuale del 2017? Anche se la scettro va probabilmente attribuito all’Oculus Rift, che dispone del miglior hardware e della migliore gamma di software, è anche vero che tanti altri visori potrebbero comunque fare al caso vostro. Cerchiamo di vederli rapidamente!

Oculus Rift

Cominciamo dal già rammentato Oculus Rift, probabilmente il numero 1 del mercato. Si tratta inoltre del visore che ha dato il via a un boom del comparto, con i concorrenti diretti che, tuttavia, non sembrano essersi completamente avvicinati agli standard del dispositivo.

Sviluppato da Palmer Luckey, finanziato tramite Kickstarter e acquistato da Facebook per 2 miliardi di dollari, Rift può collegarsi alle porte DVI e USB del tuo computer, tenendo traccia dei movimenti della testa per fornire immagini 3D sui suoi display. Attualmente l’edizione consumer Rift utilizza una risoluzione di 2160 x 1200, a 233 milioni di pixel al secondo, con una frequenza di aggiornamento di 90 Hz. Insomma, standard qualitativi piuttosto elevati, che solamente l’HTC Vive – per alcuni requisiti – può fronteggiare alla pari.

Una nuova accelerazione nell’appeal del visore è poi stato dato alla fine del 2016, quando sul mercato sono arrivato i nuovi controller. E che dire poi dei giochi attualmente disponibili? La gamma si fa giorno dopo giorno sempre più varia, e più volte sul nostro sito abbiamo discusso di alcune delle migliori scelte.

Insomma, Oculus Rift è certamente un visore che non ti deluderà, e ora che il prezzo calato (puoi trovarlo anche sotto i 350 euro) non possiamo che consigliarti l’acquisto!

HTC Vive

Al secondo posto dietro Oculus Rift probabilmente possiamo piazzare l’HTC Vive, realizzato in collaborazione con Valve e attualmente in grado di collaborare con il gigantesco ecosistema di giochi, Steam. HTC dispone di 70 diversi sensori che vi permetterà di offrire un puntuale e rapido monitoraggio dei movimenti della vostra testa, con una frequenza di aggiornamento di 90 Hz (la stessa dell’Oculus Rift).

Anche la gamma di giochi di HTC è piuttosto buona, anche se a nostro giudizio non è così ricca come quella di Rift, che dispone di alcune esclusive piuttosto accattivanti.

Attenzione però a non ritenere HTC Vive una seconda scelta, soprattutto in chiave evolutiva. Sono infatti allo studio perfezionamenti del Lighthouse e, soprattutto, la nuova tecnologia Tracker che punta a rendere qualsiasi oggetto un potenziale dispositivo per la realtà virtuale…

Rispetto a Rift, però, il suo prezzo è ancora maggiore. Il costo è infatti mediamente più alto di circa 150 / 200 euro.

Sony PlayStation VR

Arriviamo poi al terzo classificato di questa lista, Sony PlayStation VR. Al device di Sony va sicuramente riconosciuto il merito di aver introdotto tante persone al mondo della realtà virtuale in maniera semplice e abbastanza economica. Non sarà probabilmente il visore “perfetto”, e altrettanto probabilmente la maggior parte dei nostri lettori lo collocherà alle spalle dei primi due. Tuttavia, sta regalando tante soddisfazioni ai giocatori PS4 e, in fondo, è anche questo quello che conta.

In aggiunta a ciò, ricorda che dal suo lancio c’è stato un flusso costante di nuovi titoli in circolazione, alcuni dei quali davvero divertenti ed eccitanti da giocare in VR, come Resident Evil 7, Skyrim, Doom VFR e così via. Avendo venduto più di 2 milioni di visori, è probabilmente Sony il big che sta vincendo la “guerra” della realtà virtuale, e tutto lascia presagire che possa mantenere questo slancio anche nel 2018.

Insomma, con il suo basso prezzo di mercato, non sorprende che PlayStation VR abbia superato sia HTC Vive che Oculus Rift in termini di vendite, per quanto la sua tecnologia non sia certo all’altezza degli standard dei suoi concorrenti.

A margine di questo breve podio dei migliori visori per VR, non possiamo che chiudere con qualche buona riflessione.

La prima che vogliamo proporti è certamente legata all’evidenza che il mercato della realtà virtuale è ancora ben lontano dal raggiungere una propria piena maturità, ma può comunque mostrare chiari segnali di sviluppo. Quanto basta per poter guardare con crescente fiducia al prossimo futuro a breve termine, per il quale sono già stati annunciati aggiornamenti degli attuali visori e introduzione di nuovi dispositivi che potrebbero rendere ancora più eterogeneo il mercato.

In secondo luogo, giova certamente guardare la classifica delle vendite. Il primato di Sony PlayStation VR che, come detto, non è sicuramente il miglior visore in circolazione, dimostra quando sia importante cercare la giusta via di mezzo tra l’evoluzione tecnica, il prezzo, la facilità di utilizzo e la gamma di software da fruire. E, in fondo, il segreto per un visore di successo è proprio questo: trovare il giusto mix che possa ponderare ciascuno di questi elementi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *