Home / Applicazioni / NASA e FUSION ci portano su MARTE nel 2016

NASA e FUSION ci portano su MARTE nel 2016

Mars_Experience

The Mars Experience 2030.

The Mars Experience 2030: questo il nome del nuovo progetto messo in piedi dalla NASA, si proprio la National Aeronautics and Space Administration, con l’aiuto della casa di sviluppo Fusion.

Un videogioco? Un’esperienza immersiva? Un viaggio affascinante? In realtà un insieme di tutte queste cose e forse qualcosa di più.

Il tutto prende forma da un’idea molto più ampia: la NASA sta infatti mettendo in cantiere una reale prima missione sul Pianeta Rosso, una nuova frontiera dell’esplorazione, che, sembrerebbe, sarà pianificata per il 2030.

Nel mezzo di questo titanico disegno arriva la Realtà Virtuale che offre una grande possibilità all’Agenzia Spaziale Americana, ovvero la concreta possibilità di offrire, ai suoi sostenitori nonché a milioni di utenti nel mondo, una esperienza esplorativa di Marte in anteprima.

Fino a poco tempo fa sarebbe di certo stato possibile creare un ambiente simulato per ricostruire le condizioni di vita, atmosferiche, climatiche che si possono pensare di trovare su Marte ma i passi da gigante che in questi anni sono stati fatti nell’ambito della Realtà Virtuale e soprattutto l’ormai imminente debutto dei vari visori previsti nel 2016 hanno fatto prendere questa importante decisione alla NASA: è ora di regalare un viaggio su Marte in anteprima con tutti i crismi del caso.

Lo sviluppo di questo software prevede diversi step: una prima fase in cui verrà creata un’esperienza di visita virtuale di Marte per il singolo utente che potrà, dotato dell’ultimissima tuta da esplorazione spaziale progettata dalla NASA, la Tuta Z-2, camminare sulla superficie del pianeta alieno, raccogliere rocce, esplorare liberamente tutti gli ambienti pensati per questo tipo di esperienza. In una fase poi successiva, che però non dovrebbe essere così lontana dalla prima release di “The Mars 2030 Experience”, la Fusion ha previsto l’inserimento di una funzione multiplayer, ovvero la possibilità di far interagire online diversi gruppi di utenti, o di giocatori a voi la decisione della categoria in cui far ricadere chi usufruirà di questo prodotto, che potranno navigare insieme e condividere l’esplorazione marziana.

Nasa_Z_2_Suit

Il software sarà sviluppato per girare in maniera egregia su tutti i tipi di Visori che arriveranno sul mercato, spaziando perciò da Oculus Rift al Gear-VR (ed in teoria anche su PS-VR, ma nessun annuncio è stato dato in questo senso), e utilizzerà al meglio tutti i driver e le risorse che verranno implementare man mano sul mercato.

Parlando di tempi anche in questo caso è stata decisa una strada a vari livelli. Ci sarà una prima grossa demo utilizzabile a tutti coloro che parteciperanno al Festival “SXSW” (The South By Southwest Events Series) che si svolge annualmente tra Febbraio e Marzo ad Austin in Texas. Per chi sapesse poco di questo evento possiamo dire, molto rapidamente, che si tratta di un raduno basato su musica, film e tecnologia in genere che si tiene sin dal 1986.

Lo scopo è proprio quello di offrire al pubblico la nuova frontiera nei diversi campi di interesse dell’evento ed è proprio per questo che è stato scelto questo tipo di manifestazione per presentare la prima demo ufficiale di “The Mars 2030 Experience”.

Superata poi questa fase di testing, sia per la risposta del pubblico che per il lato tecnologico e di sviluppo, il software verrà rilasciato al grande pubblico che potrà allora usufruire di un prodotto completo e appagante.

La scelta di sviluppare questo tipo di progetto nasce da un’idea molto precisa e molto semplice al tempo stesso: come dichiarato dalla NASA, ed il pensiero è condiviso anche dagli ingegneri della Fusion, ormai il mondo è pronto per andare oltre le notizie legate alla semplice carta o ad una news pubblicata su di un sito. Il prossimo passo dovrà infatti essere quello di far toccare con mano le novità, di far provare agli utenti qualcosa di più che semplici idee confezionate dalle parole. La Realtà Virtuale sarà in grado di fare tutto ciò e “The Mars 2030 Experience” sarà in grado di dimostrare tutto questo.

Mars_Experience_2

Un progetto ambizioso, ben studiato in ogni singolo dettaglio e caratterizzato dalla voglia di regalare un sogno.

Una missione targata NASA che porterà non solo un team, di uomini sul Pianeta Rosso ma, pensiamo, qualche milione di utenti.

“The Mars 2030 Experience” sarà la “missione spaziale” più ambiziosa di sempre. Non esiste un sito specifico del progetto ma se siete curiosi di esplorare i siti dei partecipanti a tutto questo potete guardare ai seguenti link:

NASA: http://www.nasa.gov/

FUSION: http://fusion.net/

E se volete approfondire o partecipare al SXSW Festival fatevi un giro qui:

SXSW: http://www.sxsw.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *