Home / Visori / Oculus Rift / OCULUS 2016: Rift e Touch

OCULUS 2016: Rift e Touch

Oculus_rift_consumer_version

Oculus Rift.

Sembra iniziato il conto alla rovescia ma con buona probabilità durerà molto poco. Siamo ormai a circa 20 giorni dalla fine dell’anno e tutti, appassionati, osservatori, sviluppatori, produttori e semplici utenti incuriositi, stanno guardando con attenzione al sito di Oculus con una sola domanda in testa: oggi apparirà la pagina di pre-order per il Rift?

A questa domanda abbiamo già una risposta che è, purtroppo, no, non vedrete una finestra, un link, un invito o quant’altro per potervi mettere in lista di attesa per avere la “Consumer Edition” di Oculus Rift.

Andiamo con ordine, solo per fare una piccola ricapitolazione di quel che è successo sin qui.

Oculus, uno dei primi sviluppatori a credere con forza nella Realtà Virtuale, ha annunciato circa due anni fa, ma i primi prototipi sono anche anteriori, di lavorare su un visore rivoluzionario che avrebbe permesso alla Realtà Virtuale di poter davvero decollare.

Nasce così il DK1 ovvero il primo prototipo, dedicato agli sviluppatori, del Rift. Da subito l’interesse sale alle stelle e molti utenti che non sono esattamente degli sviluppatori si lasciano andare all’acquisto per soddisfare la loro voglia di essere tra i primi ad esplorare questa nuova frontiera.

Oculus_Rift_-_Developer_Version_1_DK1

Il DK1 viene sviluppato con costanza, ricevere supporto, critiche, come per ogni cosa, ma supera i momenti difficili, nel frattempo Oculus viene rilevata dal colosso Facebook, e il progetto Rift si rafforza anche grazie a giochi, software, applicazioni che dimostrano non solo la versatilità del Visore ma anche le sue estreme potenzialità.

Oculus, fiduciosa di come stanno andando le cose, annuncia che la versione per tutti, quella che abbiamo più volte detto essere la “Consumer Edition”, vedrà la luce nel primo quarto del 2016, ovvero tra Gennaio ed Aprile con buona pace di tutti.

Il 2015 è perciò l’anno chiave: Oculus accelera tutto, lo sviluppo sembra impennarsi e una piccola crepa però arriva dalla HTC con sul visore: la data di rilascio viene annunciata già nel 2015, informazione che spiazza tutti ma che poi viene corretta facendolo slittare nel 2016, ma per questo vi rimandiamo all’articolo che abbiamo pubblicato su questo argomento : “HTC Vive, dove eravamo rimasti”.

Oculus tira così un sospiro di sollievo e rafforza la sua posizione con il rilascio del DK2. Migliorato sotto molti aspetti, ma sempre dedicato più al mondo degli addetti ai lavori, la nuova release soddisfa tutti grazie alla sua stabilità e ai notevoli passi avanti fatti rispetto alla DK1.

Oculus_Rift_development_kit_2_DK2

Arriviamo al presente di questi giorni quando tutti si aspettavano di veder apparire il tanto sospirato momento in cui poter prenotare la propria copia di Oculus per una cifra che dovrebbe essere di poco superiore ai 400 euro.

Oculus ha però spiazzato tutti annunciando che sebbene la prima linea di produzione effettiva di Rift stia andando bene e che in effetti il primo quarto del 2016 sembra ancora la fascia di tempo più probabile per la prima distribuzione di Rift, ancora non sarà disponibile la possibilità di prenotare il prodotto.

Questo lascia un po’ contraddetti perché in un precedente annuncio, fine anno 2015 era il momento in cui ci si aspettava finalmente questa possibilità.

Ed insieme alla nebbia che ancora aleggia attorno al Rift anche per Touch, il pad, o meglio la copia di pad, che dovrebbe vivere assieme al visore, non abbiamo un panorama definito: non una data precisa di rilascio, non è stato confermato del tutto che il prodotto esca insieme al Rift e nemmeno il prezzo.

Oculus-touch

Per tirare le somme Oculus conferma che il 2016 sarà il suo anno ma non precisa nulla in concreto.

Non ci resta che attendere l’evolversi delle cose ed essere fiduciosi che l’anno prossimo sia davvero un anno Realmente Virtuale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *