Home / Visori / Altri Visori / SULON Q: il Visore Virtuale “POWERED BY” AMD

SULON Q: il Visore Virtuale “POWERED BY” AMD

SulonQ_AMD

Sulon Q e AMD.

Sulon è una società che già da qualche tempo si è dedicata allo sviluppo di hardware per la Realtà Virtuale e la Realtà Aumentata.

Le basi di partenza sono solide ed adesso un’importante collaborazione rende concrete le volontà di questa azienda. AMD ha infatti stretto una collaborazione con Sulon per fornire i servigi e le potenzialità dei suoi processori per poter permettere ad un nuovo visore in via di sviluppo di fare un salto di qualità.

Ed è da questa partnership che nasce Sulon Q, un Visore “all-in-one” per così dire. Il Visore non sarà infatti solamente un visore dedicato alla Realtà Virtuale ma anche un ottimo strumento per la Realtà Aumentata.

Ma c’è qualcosa di più: Sulon ha infatti l’idea di offrire un prodotto che possa dare ai suoi utenti una libertà totale. Il “Q” sarà infatti totalmente wireless, decisione che permetterà di utilizzare il visore senza costrizioni di sorta e muovendosi a con agio all’interno dell’ambiente dove si utilizzerà il visore.


Parlando invece del comparto tecnico, del Sulon Q possiamo darvi alcune specifiche interessanti:

Progettato per: VR, AR e l’utilizzo dell’Informatica “spaziale” (nel senso che non è più legata alla stretta spazialità dell’ambiente e degli strumenti Monitor-Tastiera)

Costruzione: il Sulon Q dovrebbe essere leggero, facilmente indossabile e dalla grande libertà, proprio grazie alla tecnologia wireless.

Hardware:

  • monta un processore AMD FX-8800P fino a 35W di potenza con un comparto grafico diretto da un Radeon™ R7, con architettura di prossima generazione.
  • 4 unità principali di calcolo ed 8 GPU (Graphic Processor Unit – i processori Grafici) che interagiscono grazie alla tecnologia HAS (Heterogeneous System Architecture – un sistema eterogeneo di architettura che permette una gestione superiore dei processori mantenendo un livello di consumo energetico molto basso. Minimo consumo, massima resa)
  • SPU – Sulon Spatial Processing Unit (una unità di processione spaziale per il calcolo in ambiente virtuale)
  • 8 GB di memoria DDR3L e 256 GB SSD
  • un Display con una risoluzione da 2560×1440 pixel OLED ed un refresh a 90 Hz
  • 110-gardi di angolo di visuale effettivo (FOV)

Audio:

  • un impianto audio-spaziale 3D (che tiene in conto l’espansione del suono occupando lo spazio a disposizione in maniera uniforme) rafforzato dalla tecnologia GenAudio’s AstoundSound®
  • un jack audio da 3.5 mm integrato
  • due microfoni integrati e ottimizzati per una riduzione delle interferenze ambientali e ottimizzati dalla tecnologia sonora Sulon.

Tracking: l’unità di calcolo “spaziale” combina una visione in “Tempo reale” con un sistema di calcolo “processurale” e di mapping in modo da fornire un’ottima collaborazione tra il campo visivo percepito realmente, ciò che viene calcolato e ricreato dalla macchina ed i gesti che l’utente potrà fare mentre utilizza il Sulon.

Sensori:

  • Accelerometri
  • Giroscopio
  • Magnetometro
  • un sistema di tracking e mapping basato sulla spazialità

Software:

  • Microsoft Windows® 10 (ed in teoria dovrebbe supportare anche Microsoft Holographic che è lo stesso sistema operativo che monterà Hololens)
  • le applicazioni di “Project Dragon” per il calcolo “spaziale” degli oggetti
  • la tecnologia AMD LiquidVR che permetterà una esperienza VR/AR molto più morbida e responsiva

Periferiche supportate:

  • una tastiera ed un mouse wireless forniti nel bundle di lancio di Sulon
  • qualsiasi controller o periferica di input supportata da Windows 10

Connettività:

  • WiFi 802.11n/ac + Bluetooth 4.0
  • 2 x USB 3.0 AMicro e HDMI OUT

Il progetto è decisamente interessante e dovrebbe vedere la luce nella tarda primavera del 2016. Potrebbe essere un valido concorrente al potere di Oculus Rift e HTC Vive ed una sfida già lanciata a Hololens.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *