Home / Applicazioni / Walmart registra brevetti per lo shopping in realtà virtuale da casa

Walmart registra brevetti per lo shopping in realtà virtuale da casa

Walmart ha presentato due brevetti relativi a nuove opportunità di shopping in realtà virtuale. Stando a quanto sostiene Forbes in un suo recente approfondimento, i due brevetti permettono di descrivere un innovativo sistema in cui qualsiasi utente sarà in grado di indossare una cuffia in realtà virtuale, e guanti sensoriali, al fine di ottenere un’esperienza di shopping da casa propria. Gli ordini effettuati attraverso il programma in realtà virtuale finiranno in un apposito centro di evasione ordini, dove i robot prepareranno gli ordini di invio per la spedizione.

I brevetti – prosegue ancora il magazine – sono stati depositati a gennaio ma non sono stati pubblicati fino a pochi giorni fa, rappresentando una sorta di “prolungamento” dei propri sforzi nel comparto della realtà virtuale, che Walmart ha avviato con il deposito di un altro brevetto lo scorso dicembre. In quell’occasione, però, il brevetto faceva riferimento alla possibilità di installare appositi desk in VR in specifiche aree, come i centri commerciali. In questo caso, si tratta invece di portare la realtà virtuale direttamente nelle case dei clienti, attuali e potenziali, di Walmart.

La nuova versione sugli acquisti a domicilio potrebbe pertanto aiutare una vasta gamma di persone, in particolare quelle che approfittano del ritiro della spesa e dei servizi di consegna della spesa in giornata, a poter compiere in maniera ancora più coinvolgente il proprio shopping. Genitori indaffarati, lavoratori a turni e persone che semplicemente non hanno il giusto tempo per fare acquisti nei negozi, potranno infatti ordinare i loro generi alimentari online e ottenere la consegna nel parcheggio Walmart o sulla porta delle loro abitazioni.

Walmart per il momento non ha spiegato come intende integrare questa opportunità sui dispositivi VR dei clienti, o cosa intende fare veramente con questi brevetti. Potrebbero infatti inviare in maniera diretta i visori ai clienti in cambio di un piccolo comodato d’uso o offrire uno sconto sul primo acquisto effettuato tramite la piattaforma (idealmente, un pagamento di diritti di comodato d’uso di 15 dollari e uno sconto del 10% sul primo ordine). Potrebbe oppure scegliere di spedire gratuitamente cuffie e guanti, sperando di riavere i propri soldi attraverso un aumento delle vendite.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *